Breve nota sui finanziamenti a fondo perduto

Il finanziamento a fondo perduto è una somma di denaro che una volta ricevuta non deve essere restituita da chi ne beneficia. In questo articolo cerchiamo di spiegare brevemente come ottenere finanziamenti a fondo perduto e chi ne ha diritto. Questi fondi vengono normalmente erogati da Enti Pubblici (Unione Europea, ministeri, regioni, ecc. ecc.)
Principalmente rivolta all’imprenditoria femminile, giovanile ed alle start up e aziende già esistenti e consolidate che presentano progetti di espansione atti ad incrementare la propria attività ed in settori considerati strategici.

Il finanziamento viene concesso dopo l’approvazione della domanda, di un colloquio del futuro imprenditore con un funzionario dell’Ente incaricato alla valutazione della domanda, la presentazione del progetto, preventivi e fatture sia dei lavori da effettuare, che dei macchinari necessari per mettere in atto la propria idea.
Successivamente, verrà effettuato un sopralluogo, per constatare che le dichiarazioni inserite nella documentazione di richiesta finanziamento, risultino realtà, a seguire verrà concesso parte del finanziamento, il rimanente verrà elargito dopo l’accertamento dell’avvenuta realizzazione, ed entrata in funzione dell’attività commerciale.

Da tener presente che questi finanziamenti sono rivolti verso una categoria di persone con requisiti ed idee particolari, (come accennato in precedenza), quindi capire quale Ente li eroga, se sono finanziamenti europei, oppure gestiti dallo Stato, o dalle Regioni,
ogni tipo di finanziamento a fondo perduto richiede una documentazione diversa, quindi necessita rivolgersi al proprio commercialista e farsi preparare tutta la documentazione necessaria.
Per mancanza di richieste, molti finanziamenti messi a disposizione dal Fondo Comune Europeo, non vengono sfruttati dall’Italia, ed è un vero peccato, però bisogna riconoscere che molti finanziamenti preposti dal Fondo non vengono pubblicizzati adeguatamente e tanti stanziamenti vengono rimandati indietro per la difficoltà incontrata nei vari iter burocratici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*